6 dicembre 2010 – Comunicato stampa

6 dicembre 2010

Comunicato stampa

L’Associazione ostiainbici ritiene di doversi esprimere sul lutto gravissimo che ha colpito il mondo del ciclismo amatoriale rendendoci consapevoli che nessuno, soprattutto gli utenti più deboli delle nostre strade, può sentirsi al sicuro in queste condizioni.

Ieri sono morti sette ciclisti e questa tragedia è solo l’ultimo di una serie interminabile di episodi simili e ciò non è più tollerabile.

E’ tempo che la politica la smetta con i "truman show" e che riconosca l’impegno civile di chi sceglie consapevolmente e, a questo punto, a proprio rischio forme diverse di mobilità dando finalmente a livello nazionale e a livello locale delle risposte chiare:

– legiferare affinché si smetta di trattare come incidenti quelli che non sono altro che omicidi volontari,

– garantire la sicurezza sulle strade dei ciclisti e di tutti i soggetti più deboli attraverso la creazione di percorsi protetti e attraverso una seria attività di prevenzione e repressione sul territorio di tutti i comportamenti di guida potenzialmente pericolosi.

E’ appena il caso di ricordare che uno dei compiti primari della politica è quello di garantire la sicurezza ed il benessere di tutti i cittadini e che questo compito non può considerarsi esaurito dentro gli stadi e con qualche pattuglia di militari dentro le stazioni.

L’Associazione ostiainbici