Cronaca della gita Parco della Caffarella

Cronaca della gita del 15 marzo 2009

Parco della Caffarella

      
  Lo spuntino alla fonte Egeria    

Non è cominciata proprio bene questa giornata, usciti di casa il cielo era nuvolo e la temperatura un pò bassa. Poi il problema del treno, dove la Met.Ro, ignorando la nostra segnalazione, effettuata come suggerito sul loro sito via telefono e anche tramite fax, ha creato problemi sia ai viaggiatori che a noi. Fortunatamente, sempre grazie alla disponibilità dei singoli che non all’efficienza di un’organizzazione, la cosa si è risolta e siamo riusciti a proseguire. Appuntamento di Porta S.Paolo, lì ci siamo congiunti agli altri ed abbiamo iniziato la passeggiata verso il parco della Caffarella. Arrivati al parco le cose sono radicalmente cambiate, la giornata uggiosa lasciava il posto ad una di quelle giornate di sole primaverile, che insieme all’allegria che ormai ci contraddistingue, alla bellezza e a un certo non so che di mistico dei luoghi che stavamo visitando, ci ha fatto sentire fortunati ad essere lì in quel momento. Un po’ di saliscendi hanno movimentato la passeggiata, ma credo che siano stati divertenti e non faticosi, e sono serviti comunque a compensare la brevità del percorso.

 

 

Bellissima la chiesa di S.Urbano, e il piccolo affresco nella cripta sottostante, che purtroppo non tutti hanno visto. Straordinario lo scorcio del ninfeo di Egeria, e la tomba di Annia Regilla. Attraversato il fiume Almone, ci siamo rinfrescati bevendo l’Acqua Santa alla sua fonte e, grazie alla generosità di Patrizia, Linda e Marisa, abbiamo fatto uno spuntino a base di tozzetti, ciambelle e crostata. Rientrati nel parco, e dopo una breve salita (qualcuno è sceso dalla bici eh?), in cima alla collina abbiamo goduto di un bellissimo panorama di Roma. Finito il giro, passando per una azienda agricola ancora in attività, siamo usciti dal parco e tramite la via Ardeatina abbiamo preso la ciclabile della Colombo per andare alla stazione di Magliana, dove la società Met.Ro questa volta ci ha riservato la vettura, grazie.

Un grazie a chi c’era, ed in particolare ad Igino che ha contribuito con la sua conoscenza della zona alla buona riuscita dell’escursione.

Angelo            

Queste le foto della gita

Qui sotto un regalo che ci ha fatto Giancarlo, grazie !

Chi ne vuole una copia (qualità migliore e colonna sonora) su CD mi scriva: admin@ostiainbici.it