Cronaca della gita del 5 ottobre 2008 – La Roma degli obelischi

Cronaca della passeggiata del 5 ottobre 2008

"BICIVAGANDO" alla ricerca della Roma verticale

Questa cronaca ci è pervenuta da una partecipante alla gita, e ce la descrive da un punto di "vista" un pò particolare. Grazie Consuelo!


Pronti…via!

Il mio amico Paolo in settimana mi lancia l’idea di un bel tour domenicale per le bellezze di Roma. E io che faccio? Prontamente e felicemente accetto! E se a questo aggiungiamo che si tratta di un tour in bici… ancor meglio!

Certo il grande Paolo ha avuto coraggio a propormelo visto che sarebbe venuto in bici con me…trattasi di tandem da portare, ma non esageriamo visto che ho pedalato e spinto benissimo, vero Paolo?

Entrata nell’ottica quindi passo successivo, porto il tandem alla revisione, fortuna che ho il biciclettaio di fronte a casa, lo faccio quindi rimettere in sesto per la domenica mattina.

Appuntamento a Piramide con il gruppo di “Ostia in bici”. Un bel gruppetto di circa venti persone a cui poi se ne sono aggiunte altre e verso le 10.00 siamo partiti dopo aver sentito la spiegazione dell’itinerario dallo storico del gruppo, Gianfranco che in maniera molto chiara ed esauriente devo dire ci ha illustrato le varie tappe degli obelischi romani. Bene montiamo in bici e via dunque ! Nel frattempo il freschetto dei sei gradi stava lasciando il passo ad una bellissima giornata di sole, che dopo le prime pedalate diventa pure calda.

Prima tappa San Giovanni, obelisco lateranense, giù dalla bici che Gian Franco racconta…trattasi di….beh insomma non riporto potevate venire …sorriso…

É impressionante come ogni singola pietra di questa fantastica città parli e conservi così tante informazioni. Poi proseguiamo per il centro di Roma alla scoperta di altri obelischi. Arriviamo in piazza dei Cinquecento, piazza di Spagna, via del Corso, piazza del Popolo e…. ci muoviamo tra automobili e pedoni, tante e tanti come sempre. Devo dire che accanto all’aspetto storico del giro ho approfondito anche quello più strettamente urbanistico, ti accorgi di quanti siano i san pietrini in questa città solo quando saltelli su e giù dalla sella ripetutamente.

Molti altri aspetti si colgono che in altre occasioni non sarebbe possibile, odori, profumi, rumori…che quando sei nel traffico non percepisci. E poi il bello è che con la bici vai spedito ma allo stesso tempo quando vuoi ti puoi fermare senza il problema non indifferente del parcheggio. Con passo spedito siamo arrivati verso l’ora di pranzo alla meta forse più ambita, villa Celimontana, ambita per la strordinaria bellezza? Anche naturalmente ma in questo caso soprattutto tappa mangereccia con i celebri per gli altri e scoperta alquanto gradita per me maritozzi di Gian Franco che oltre ad essere il cicerone del gruppo è anche un ottimo pasticcere. MMM, davvero buoni come i biscottini al vino rosso di Patrizia e alla torta di…mi sfugge il nome, scusate ragazzi ma eravate troppi per essere ricordati al primo colpo.

Insomma una degna conclusione di una simpatica e interessante mattinata romana che spero si possa ripetere ancora!! Sfacciatamente mi sono tanto divertita che mi autoinvito…sorriso.

Grazie

La consu


Qui il documento sugli obelischi di Roma (a cura di Gianfranco)