12 agosto 2007 – Comunicato stampa

Doverose precisazioni di Ostia in Bici XII dopo le dichiarazioni dei rappresentanti politici sulla ciclabile del Tevere

    Forse non tutti sanno che la delega per la mobilità ciclabile in consiglio regionale, comunale e municipale è di competenza dell’Assessorato all’Ambiente. Chi altri, infatti, se non questi stessi assessorati devono provvedere a finanziare opere relative alla mobilità ciclabile nella nostra Regione, nel nostro Comune, ma in particolare nel nostro Municipio?

    Sul tema specifico della Dorsale ciclabile del Tevere ricordiamo che Angelo Bonelli (a quel tempo Assessore all’Ambiente della Regione Lazio) operò affinché una cifra pari a 1 milione e 700 euro fosse stanziata per la realizzazione della pista sull’argine sinistro.
Ricordiamo anche, però, che, da quanto risulta dalle dichiarazioni ufficiali degli enti preposti, questo stesso stanziamento sta per essere utilizzato sull’argine destro e solo in piccola parte anche sull’argine sinistro.

    La nostra Associazione non può che essere favorevole alla realizzazione di un circuito comprendente anche l’argine destro, ma le priorità, e soprattutto le promesse che si fanno ai cittadini, devono essere mantenute.

    Le vere o presunte difficoltà sono poca cosa rispetto alla volontà politica e all’interesse pubblico. Sono piuttosto i continui rinvii , le sottovalutazioni, che hanno generato questa assurda condizione di stallo, per uscire dalla quale Ostia in Bici XIII-Fiab, le molte altre associazioni, e il Coordinamento dei comitati di quartiere hanno più volte sollecitato un intervento delle forze politiche presenti sul territorio, ma a tale invito non tutti hanno risposto.
  
    La priorità nella realizzazione, e soprattutto su quale lato del fiume, non è cosa da poco per un Municipio che in tema di mobilità ha ancora moltissimo da lavorare. Anche noi crediamo che “con atti concreti si possono realizzare opere che migliorino la qualità della vita dei cittadini e dell’ambiente”, ma gli annunci e gli stanziamenti, se poi non vengono concretizzati in opere mia nonna diceva “che sono come le chiacchiere e fan poca farina”. Ci attendiamo quindi da tutte le forze politiche, ma soprattutto dal portavoce dei Verdi del nostro Municipio (anche in relazione alla sua posizione di capogruppo per la Provincia) una maggiore attenzione e una maggiore vigilanza.
   
    Riteniamo che lo spostamento di un investimento tanto consistente per la realizzazione di una ciclabile sull’argine destro si configuri come un atto ostile nei confronti degli abitanti del Municipio XIII e ricordiamo che il nuovo stanziamento di 700.000 euro è stato ottenuto grazie alla generale mobilitazione di molte associazioni e comitati (e non solo del XIII Municipio) e anche grazie al sostegno concreto di diverse forse politiche sia attraverso l’O.d.G. approvato in consiglio Municipale sia con quello che verrà presentato per l’approvazione in Comune nel prossimo mese di settembre.

    Per quanto riguarda invece il fatto che i Verdi presenteranno un progetto preliminare di realizzazione di una rete ciclabile nelle aree urbane del Municipio vorremmo ricordare che insieme all’assessore all’Ambiente Stellino l’ufficio bici sta da tempo lavorando, anche di concerto con il sesto Dipartimento, (piano regolatore dei Bambini), con il Dipartimento X e il XV (per il progetto emissioni zero) alla definizione di un piano generale di mobilità ciclabile di tutto il Municipio da presentare al consiglio comunale entro la primavera del 2008. Tale lavoro, che è in fase molto avanzato, ha preso, tra l’altro, le mosse dai molti progetti presentati negli anni da WWF, Ostia in Bici , Ostia in Bici XIII-Fiab , Città in Bici ecc. ma soprattutto si richiama al progetto Guidaldi/Fasano che fu approvato in consiglio Municipale il 26 maggio 2003, protocollo n.42406 del 30 maggio 2003 e che per molto tempo è rimasto soltanto un rotolo in un cassetto.

Ostia in Bici XIII